Dove lavorare a Roma se sei un freelance senza ufficio!

0

Molti invidiano al freelance la libertà di orari, per muoversi e organizzare il proprio lavoro in modo autonomo, senza dover assicurare la presenza fisica seduti ad una scrivania. Ma il rovescio della medaglia è che, nel mio caso, si ha bisogno spesso di uno pseudo-ufficio per poter stare al computer il tempo necessario in un ambiente tranquillo e privo di continue distrazioni. “Beata te che lavori da casa!” ti senti spesso dire dagli amici e dai familiari, ma sicuri che sia così?

E’ vero che mi basta avere il computer con me e posso lavorare ovunque, ma, non abitando in centro, se gli impegni di lavoro mi tengono lontano da casa nell’arco della giornata, mi fa comodo avere una base operativa più “tattica” per non perdere troppo tempo negli spostamenti che, con il traffico romano, assumono spesso proporzioni inquietanti. Inoltre se casa la condividi con altre persone, a volte, non si rivela quel posto silenzioso e tranquillo che aiuta la concentrazione per scrivere e dare forma alle idee in tempi brevi.

Sono stata spesso all’estero, in città come Londra, Barcellona, Madrid, Parigi, Berlino, New York, Vienna e c’è una cosa che mi ha colpito in particolare: la disponibilità di spazi pubblici per lavorare al computer, con una connessione wifi soddisfacente e un ambiente accogliente che rilassa e mette in condizione di creare qualcosa. Parlo di un semplice Starbucks, un Balzac Coffe, un Costa e altri locali presenti in molte realtà internazionali, che aiutano il freelance a trovare un ufficio temporaneo dove fermarsi qualche ora tra un appuntamento e l’altro in giro per la città.

Tuttavia la mia città è Roma ed è qui che passo la maggior parte delle mie giornate, tra una proiezione stampa, una conferenza, le interviste, inaugurazioni di mostre e altri eventi del settore. E, ovviamente, sono tutti appuntamenti che si svolgono dal centro storico alla zona Prati, prevalentemente. Così, per evitare di passare ore inutili tra un impegno di lavoro e l’altro senza combinare niente, ho cercato dei posti che potessero avvicinarsi all’idea dei professionisti all’estero e ne ho trovati almeno tre che mi piacerebbe condividere con voi, qualora ne aveste bisogno.

L’Anticafè

In zona San Giovanni, a due passi dalla fermata della metro omonima, si trova l’Anticafè, un locale polifunzionale dove si paga il tempo che si trascorre all’interno come se fosse il proprio ufficio. 4 euro la prima ora e 3 euro le ore successive per poter usare internet illimitato con un collegamento wireless a banda larga, ma anche lo scanner, la stampante, un video proiettore e altri apparecchi utili per varie attività professionali o di studio.

Inoltre, compreso nel prezzo, c’è anche un buffet che mette a disposizione dei clienti bevande calde e fredde e vari snack salati e dolci da consumare mentre si lavora a pochi passi da alcuni importanti punti di riferimento della città. Il personale è giovane e molto gentile e l’arredamento è moderno e accogliente per un’idea di co-working alternativo che funziona e diventa un valido aiuto per chi ha bisogno semplicemente di uno spazio in città per lavorare, studiare o per fare una riunione, se non ha a disposizione uno studio o un ufficio privato.

La Casa del Cinema

Molte delle attività stampa legate al mio lavoro si svolgono alla Casa del Cinema che si trova nella piacevole cornice di Villa Borghese, a pochi passi da Via Veneto. Oltre ad avere una serie di sale cinematografiche che ospitano interessanti rassegne ed incontri sul cinema e altre forme di arte, questo polo culturale ha un bel bar in cui è possibile consumare un caffè, un panino o altro e stare al computer per quanto tempo volete su dei comodi divenenti all’interno o su piccoli tavolini, in cui il segnale wifi non è niente male. L’atmosfera è serena e nessuno vi disturba se vi trovate il vostro angolo di lavoro per qualche ora.

 

Durante le belle stagioni c’è anche una parte di tavoli all’aperto dove è piacevole lavorare, ma i prezzi delle consumazioni aumentano (2,50 euro per un caffè). Però se volete godervi la temperatura mite e stare all’aria aperta si può fare un’eccezione, perchè comunque basta anche un caffè e vi lasciano tranquilli di stare quanto volete, nei giorni in cui magari non c’è troppo traffico di turisti. La posizione della Casa del Cinema è senza dubbio vantaggiosa se avete da fare in centro, da Piazza Barberini, Piazza di Spagna, Via del Corso e dintorni.

Lumiere

Mi trovo spesso a seguire degli eventi per lavoro tra Viale Giulio Cesare, via Cola di Rienzo e il multisala Adriano in piazza Cavour. Spesso dopo la visione di un film per la proiezione stampa devo mangiare qualcosa e aspettare l’orario per realizzare delle interviste nello stesso posto da quelle parti. Oppure magari ho seguito un evento in un’altra zona e mi sposto da quelle parti per un impegno in Prati poco tempo dopo e mi resta da coprire qualche ora in cui non farei comunque in tempo a tornare a casa per poi riuscire. Così, passeggiando proprio su via Cicerone che costeggia il cinema Adriano, al civico 25 ho trovato il bistrot Lumiere, in cui si può bere un caffè o un tea con un dolce fatto in casa o assaggiare piatti freddi e caldi a pranzo e cena.

 

A disposizione un wifi molto buono che permette di lavorare in un ambiente allegro e accogliente. Ti senti a casa, ma anche lontano da Roma nello stesso tempo con quell’atmosfera un po’ francese tra il moderno e il vintage. La soluzione che ho utilizzato di più è il tea con il dolce (5 euro) e devo dire che i cookies e le crostate mi hanno lasciato del tutto soddisfatta.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: