5 min read

Noi, tutto sul nuovo inquietante film di Jordan Peele

Tante curiosità sul thriller horror dal regista di Get Out

0

Noi (titolo originale Us) è il nuovo thriller horror scritto e diretto da Jordan Peele che arriva al cinema il 4 Aprile con Universal Pictures. Nel cast tra gli altri Lupita Nyiong’o, Winston Duke, Elisabeth Moss, Kara Hayward. Scappa – Get Out ha vinto l’Oscar lo scorso anno per la Miglior Sceneggiatura e ha ottenuto le lodi della critica internazionale.

Pertanto c’è grande attesa per questo nuovo lavoro del regista afroamericano che racconta la storia di Adelaide, una donna che torna alla sua casa di infanzia sul mare con il marito e i due figli per passare le vacanze estive. Tormentata da un trauma irrisolto del passato e sconvolta da una serie in coincidenze alquanto inquietanti, Adelaide sente crescere e materializzarsi la sua ossessione e capisce che sta per succedere qualcosa di brutto alla sua famiglia. Dopo una giornata in spiaggia con gli amici, la famiglia Wilson torna a casa e quando cala la notte, notano sul dialetto di casa la sagoma di quattro figure che si tengono per mano. Di seguito vi svelo alcune curiosità dietro la realizzazione di Noi in un video pubblicato sul mio canale YouTube Serendipity Mood.

Tutto quello che c’è da sapere sul film “Noi”

1) Noi si ispira a un episodio della celebre serie The Twilight Zone – Ai Confini della Realtà, uno show che andava in onda dal 1959 al 1964 condotto da Rod Serling. Questo programma era organizzato in una serie di storie brevi e scollegate che trattavano fatti soprannaturali o semplicemente bizzarri. L’episodio in questione si intitolava Mirror Image e presentava una donna che incontra il suo clone in un deposito di autobus e si convince che questo sta cercando di prendere il suo posto.

2) Ci sono voluti 20 milioni di dollari per fare Noi, contro i 4,5 milioni che è costato Get Out, ma nell’era dei blockbuster da 100 e 200 milioni di dollari è comunque un buon affare per un successo al box office quasi garantito. La Blumhouse in fondo sembra essersi specializzata in questo tipo di progetti a basso budget e alto rendimento.

3) Jordan Peele ha consigliato a Lupita Nyong’o di vedere 10 film horror per prepararsi al suo ruolo in NOI, ovvero: Shining, The Babadook, It Follows, Funny Games, Gli Uccelli, Il Sesto Senso, L’Altro Delitto, Martyrs, A Tale of Two Sisters, Lasciami Entrare.

Noi Lupita Nyong'o

Lupita Nyong’o in una scena del film Noi

4) La canzone “I got 5 on it” di Luniz ha un ruolo importante nel film. Fin dal trailer si sentono le note di questo tormentone del 1995 rielaborato in una versione classica più spettrale. La colonna sonora di Noi include due versioni di questo brano. 

5) Il film esplora temi profondi: molti film horror preferiti di Peele hanno un significato profondo e non si limitano a spaventare il pubblico. Babadook parla di come affrontare il dolore, It Follows è una parabola sulle malattie sessualmente trasmesse e Noi segue le orme di questi film. “Siamo noi il nostro peggiore nemico” ha detto Peele sottolineando l’idea alla base del suo nuovo film. “volevo creare questa nuova mitologia che esplora la nostra dualità e la dualità dei personaggi”.

6) Get Out è un film che ha criticato in modo esplicito e implicito le lotte dell’essere neri in America. Ma Noi no. Come ha dichiarato il regista Noi non riguarda la razza, anche se la sua uscita al cinema è silenziosamente rivoluzionaria in un certo senso. “Non riesco a pensare a un film horror di questo tipo senza una famiglia afroamericana al centro della storia. Solo così penso di poter esplorare un territorio cinematografico inesplorato”.

7) Gli effetti speciali sono curati da Industrial Light and Magic, fondata da George Lucas nel 1975. La Industrial Light and Magic è famosa per i suoi effetti nei film originali di Star Wars. Già di recente lo studio ha curato gli effetti visivi dei film Marvel. Per NOI il supervisore è stato Grady Cofer, che ha lavorato a Ready Player One e Terminator Genysis. 

Noi film

Una scena del film Noi

8) Più spaventoso di Get Out: I fan del cinema horror alla ricerca di adrenalina forse sono rimasti delusi da Get Out. Ma Noi, secondo il produttore Jason Blum, raddoppia come effetto da questo punto di vista.

9) Le varie interpretazioni del film: Il trailer del film ha ispirato molte teorie: la famiglia sostituta è davvero un clone e quindi siamo davanti a un film di fantascienza? I cloni sono una manifestazione fisica di un trauma o tragedia familiare? Oppure la famiglia è benestante e vuole nascondere la verità per integrarsi nella comunità. Quindi i cloni rappresentano ciò che la famiglia ha dovuto reprimere, nascondere e cambiare per avanzare socialmente. 

No more articles
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: